Riccardo Ceres

Riccardo Ceres cantautore, compositore e scrittore ha all’attivo tre dischi distribuiti in ambito nazionale ed internazionale. Eclettico, dissacrante, definito dalla stampa « Cantautore Pulp », si rifà alla scuola cantautoriale di Ciampi, Conte, Waits, con uno stile letterario personale e che ammicca alla Beat Generation americana. Nel 1999 pubblica il suo primo EP con “I figli della signora 44 “. Nel 2001 Esce il suo primo disco dal titolo ¬« Puro Stile Italiano ». Nel 2003 si trasferisce a Roma ed incontra il cinema; affronta un nuovo percorso artistico come compositore di colonne sonore e firma le musiche dei film cortometraggi e mediometraggi, tra i quali: « Quanta donna Vuoi », « La Merendina Tropicale », che vince il premio internazionale “ l’Efebo d’oro” ‘05, « Mistero e passione di Gino Pacino », che vince il premio internazionale “Non solo Barocco” ‘07 ed il premio della giuria al Kustendorf Film Festival ‘08.

Nel 2008 Ceres vince il « Rock Contest » di Radio Popolare Firenze. Nel Marzo ‘09 esce il suo nuovo cd « Riccardo Ceres in James Kunisada Carpante » (Il Popolo del blues/Audioglobe). Il nuovo lavoro riceve ottime critiche dal pubblico e dalla stampa nazionale specializzata e si insinua nelle fasi finali del Premio Sanremo Tenco. Nel ‘10 firma la colonna sonora del film « Mozzarella Stories » ( Bavaria/Rai/Emir Kustirica) e del documentario « Come prima, più di prima mi amerò » (RCcinema/RaiInternational). Nel Novembre del ‘12 esce il suono nuovo disco « E il mondo non c’è più » con cui inizia un nuovo tour (2012/13) dal titolo « Se non si parte non si riparte », che, con settantatré date, lo porta in giro per tutto lo stivale. Nel 2014/15 firma la colonna sonora del film « Perez », per cui riceve la candidatura al Globo d’oro come migliore colonna sonora. Nel 2016 firma le musiche del film «Permesso di soggiorno » in uscita il 23 Marzo ’17. In preparazione il nuovo disco. Anche se in fine Ceres parlando della sua carriera afferma -…e comunque i curriculum non servono a niente. Se dico che so fare il pane, invitatemi a fare il pane, poi ne parliamo.

Reading

I fratelli Peppino ed Antimo Recchia, allevatori di maiali, ereditano dal nonno una piccola fattoria in Wyoming; nella valle del Lago Alcova, un posto dimenticato da Dio e non segnato sulle carte. Nella valle le uniche strutture esistenti sono la fattoria dei Recchia ed una base missilistica , ultimo baluardo di difesa delle forze americane, la riserva delle riserve. I fratelli Recchia, illusi dal “sogno americano” decidono di trasferirsi nella fattoria del nonno portando con sé un bellissimo esemplare di maialino nero casertano, in quanto decisi a soppiantare l’onnipresente tacchino americano con la più gustosa e pregiata carne suina.

Al momento della macellazione, la pena e l’affetto per il povero animale, cresciuto in salotto per evitargli raffreddori da “freddo americano”, fanno sì che riesca a fuggire.

Intanto nella base americana tutti gli allarmi scattano ed un nemico invisibile massacra uno squadrone di ricognizione intento a cercare un nemico invisibile.

Chi è il colpevole dell’attacco alla base? Chi sarà il capro espiatorio?
Il maiale? I fratelli Recchia? Cosa si cela nel bosco attorno al lago?
Tutto questo è Wyoming, un’epopea italoamericana al sapore di whisky, spuntature e rassegnazione.

Wyoming (Reading)

Gallery

logo SoundFly
Copyright SoundFly | All rights reserved
  • SoundFly S.r.l.
  • Via A. Manzoni 181
  • 80123, Napoli
  • C.F./P. IVA 08329781218
  • Mobile: (+39) 328.61.88.754
Facebook page Youtube profile

Policy and Privacy
Realizzazione sito web: Click On Net